All’alba del mattino

A. Secchi – R. Saielli

È l’alba e col primo sole
si spengon le stelle nel cielo;
il Cusna all’orizzonte
dal buio maestoso riappar,
sotto quel cielo sereno
par quesi un omaggio al Signor.

La pace del mattino
si spande per tutta la valle,
scende dai monti col vento
che porta il profumo dei fior,
qui tra le case del borgo
e fino a raggiungere i cuor.

La gente va per la strada,
sorride alla nuova giornata;
nel cuore ha la primavera
che sboccia nei campi già in fior;
ha la montagna che spera,
le ricambierà quel suo amor.